top of page

DIPENDENZE


 

Nella mia vita ho provato in ogni modo a distaccarmi dalla realtà. Sono nata negli anni 80 e ho vissuto la mia adolescenza nei 90.

I miei genitori si sono separati quando avevo 15 anni e allora era una cosa rara.


Ho conosciuto persone, più o meno sbagliate, ho fatto cose sbagliate ma tutte legate da un filo comune. Non volevo sentire quel dolore.


E quindi via le prime cannette, via poi con i sabato sera chiusi in Quel locale a buttare giù ecstasy, senza dormire ne mangiare per giorni. Poi è arrivata la cocaina e via dicendo, insomma la mia adolescenza è passata e io non ho mezzo ricordo di quello che è stato.


In età adulta mi sono appassionata all'alcool.


Ero grande, dovevo darmi una regola, dovevo "crescere" e cosi ho fatto, sono cresciuta. Ho cambiato giri, persone e dipendenze.

L'alcool è diventato il mio migliore amico, mi ha sempre fatto tanta compagnia, e mi ha sempre fatto star bene.

Ha sempre annebbiato il mio cervello quanto bastava per farmi star bene.

Si perché la mia mente non si ferma mai, ne di notte, ne di giorno e io sentivo il bisogno di trovare un modo per fermarla.

Sono totalmente sobria da un anno


Ho 43 anni, e al momento la mia unica dipendenza è il tabacco.

Dipendenze fisiche, mentali.

Le ho avute tutte e ciclicamente ricompaiono.

Loro arrivano, io faccio un giro sulla giostra e poi scendo.







44 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page